Archivi

Scomparso Stephen Hawking il creatore della teoria del tutto

Il fisico teorico britannico Stephen Hawking appena scomparso, oltre a essere una delle menti più brillanti mai esistite era anche una persona dotata di spirito e autoironia. Malato di SLA dall’età di 21 anni gli avevano diagnosticato solo due anni di vita, ma il creatore della teoria del tutto non si è mai arreso alla malattia regalando così alla fisica teorica nella sua lunga vita di scienziato curioso e senza pregiudizi i suoi studi e le sue teorie in particolare quelle sul cosmo.

La sua collaborazione con altri scienziati ha contribuito all’elaborazione di numerose teorie fisiche e astronomiche raccontate con capacità divulgative insperate per le sue condizioni di salute. Una sedia a rotelle progettata su misura e un computer con sintetizzatore vocale sono i mezzi che gli hanno permesso di comunicare con il mondo: lo si ricorda in numerose partecipazioni a trasmissioni scientifiche televisive e radiofoniche.

Stephen Hawking era famoso, oltre che per il suo lavoro nel campo dell’astrofisica, anche per le sue pungenti battute: “La vita sarebbe tragica se non fosse divertente.” E, ancora: “Il più grande nemico della conoscenza non è l’ignoranza, è l’illusione della conoscenza“.

hawking in star trek

Scena tratta dall’episodio star trek tng (link al video sulla foto)

Non è stato solo un grande fisico, matematico, cosmologo e astrofisico. La vita di Kawking e la sua carriera hanno ispirato film per la tv e il cinema, come La Teoria del tutto, adattamento della biografia scritta dalla ex moglie e madre dei suoi tre figli. È anche apparso in molte serie tv di culto, come i Simpson e The Big Bang Theory e star trek in cui il suo ologramma giocava a carte con altri grandi scienziati del passato del calibro di Isaac Newton e Albert Einstain.

Il fatto che proprio oggi il 14 marzo, sia anche la ricorrenza della nascita di Einstain probabilmente è solo una coincidenza, ma io non ho mai creduto alle coincidenze. Sono convinto che anche quando le cose sembrano casuali, c’è comunque sempre un piano o un significato! Il problema è capire quale…

Il mio pensiero per lui è che ora la sua coscienza, libera da quella che era la prigione del suo corpo fisico, possa volare libera ed esplorare quel cosmo che ha sempre studiato con passione e amore.

Che la sua coscienza possa ora volare nelle vastità del cosmo che ha sempre studiato con amore, libero dalla prigione del suo corpo fisico. Condividi il Tweet
Seguici con la Mail
LinkedIn
LinkedIn
Share